Arriva Wikiasari… l’anti-Google!

16 gennaio 2007

fonte: http://www.thedailybit.net/
Autore: Antonio Lodesani

Quando si deve cercare qualcosa sul web ovviamente si utilizza un motore di ricerca, e quale è quello più utilizzato?
La risposta è semplice ed anche ai meno esperti viene in mente una sola parola: Google.

Nel corso degli anni, sono stati vari i tentativi di detronizzare Google, basti pensare a MSN Search di Microsoft o allo serach engine di Yahoo! che seppur nati precedentemente, non sono mai più riusciti a recuperare il gap che Google gli ha inflitto, nonostante le recenti revisioni.
Tuttavia dovrebbe vedere la luce a breve un nuovo motore di ricerca e chi sa che non riesca a ritagliarsi una buona fetta di mercato nel mondo delle ricerche online…

2 Responses to “Arriva Wikiasari… l’anti-Google!”

  1. silviababbo Says:

    Molti non conosceranno chi è Jimmy Wales ma senza dubbio sarà nota la sua creatura più importante: Wikipedia, l’enciclopedia online in cui le singole voci sono scritte, controllate e corrette dagli utenti della rete e che conta più di un milione e mezzo di articoli nella sola lingua inglese.
    Il guru di Wikipedia sta lavorando alla realizzazione di Wikiasari (il nome è del tutto provvisorio) che dovrebbe essere un crawler per il web alternativo in stile Google.

    Come è noto, quest’ultimo si basa sul cosiddetto Page Rank, in pratica più una pagina è raggiungibile tramite link da altri siti più sarà collocata in alto nel momento di un eventuale ricerca sul motore. Wikiasari invece si fonderà sul contributo dei singoli utenti del web alla stregua di Wikipedia. In pratica i risultati del nuovo motore di ricerca saranno approvati e verificati dai navigatori fornendo con il passare del tempo delle soluzioni sempre più valide ed adatte ad ogni tipo di richiesta.

  2. silviababbo Says:

    L’autorevole rivista Time ha eletto come persona dell’anno per il 2006 proprio gli internauti grazie al web 2.0, cioè alle tecnologie che permettono ai dati di diventare indipendenti dalla persona che li produce e chi sa che non siano proprio i fruitori del web quelli che faranno diretta concorrenza a Google?

    Questo nuovo motore sarà completamente open source anche se nelle pagine appariranno dei link commerciali che speriamo non vadano ad influire sulla bontà delle premesse di questo nuovo modo di vivere le ricerche online.
    A questo punto non resta che attendere la nascita di Wikiasari e se il successo sarà almeno pari a quello di Wikipedia ne vedremo delle belle.
    http://www.thedailybit.net


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: