Il Turismo cambia

15 gennaio 2007

Da http://www.connecting-managers.comuranus.gif
L’innovazione tecnologica fa bene al turismo. Le applicazioni al servizio dei villeggianti sono il volano che potranno favorire una nuova impennata dell’industria turistica in Italia. E’ chiaro il messaggio emerso Touristech Summit tenutasi a Lugano nello scorso 2006 a Cernobbio: agenda di alto profilo, illustrando i temi più importanti che aiuteranno il mondo del turismo a rinnovarsi grazie al mondo ICT, dell’ innovazione applicata al mondo del turismo. Ecco i protagonisti dai quali sono emersi spunti concreti per mettere in moto questo circolo virtuoso:
mercury.gif
Cortinovis Presidente, Softpeople-Esperia:
L’innovazione al servizio del turismo è già in moto. Basti pensare che il
95% dei chi cerca informazioni sulla propria destinazione turistica lo fa
attraverso un motore di ricerca sul Web. Internet ormai influenza le scelte
dell’utente. Dunque, chi sviluppa contenuti per questo settore da pubbli-
care online è ritenuto credibile, come se si sfogliasse un catalogo carta-
ceo di un qualsiasi tour operator. Le agenzie si stanno accorgendo del
cambiamento in atto e cercano un riposizionamento puntando sul Web.
jupiter.gif
Gaia Responsabile. http://www.musei-it.net, autore FAG Digital LifeStyle
Parlare di tecnologia applicata a questo settore, significa parlare anche
di strumenti al servizio di musei, luoghi d’arte, mostre. Esempi concreti
sono sotto gli occhi di tutti. Già qualche anno fa i musei più importanti,
tra cui il Louvre, hanno iniziato ad offrire percorsi culturali innovativi come
le visite virtuali. Attenzione, però: il digitale funziona solo all’interno di
strategie complementari di comunicazione culturale. Non basta creare
un sito innovativo di una mostra, di un museo. Bisogna essere in grado di gestire al meglio le risorse, fare comunicazione al servizio dell’utente, aggiornare i contenuti, ripensare continuamente l’usabilità degli strumenti messi a disposizione.
La tecnologia da sola non basta.
earth-americas.gif

2 Responses to “Il Turismo cambia”

  1. silviababbo Says:

    Mentre per Lorenzon, Amministratore Delegato del Touring Editore, ormai è acclamata la tendenza del turista alla personalizzazione del proprio viaggio di vacanza. E solo la flessibilità offerta dalle nuove tecnologie permette di assecondarne le esigenze. Le guide cartacee non bastano più. Servono percorsi alternativi fatti da guide interattive sui palmari, smartphone, I-Pod su cui poter scaricare immagini e video. E per raggiungere lo scopo è necessario superare i localismi tra le diverse realta mondo del turismo. Ora la parola ai protagonisti.
    di una medesima regione. E’ necessario offrire in digitale tutto il territorio con un’offerta unitaria. Per questo gli enti locali devono collaborare al meglio, anche con le aziende del settore come la nostra…

  2. silviababbo Says:

    Per Casaleggio Associato, Casaleggio Associati i numeri parlano chiaro: oltre la metà delle aziende impegnate nel
    turismo che hanno un proprio sito Internet stanno registrando una
    crescita a due cifre. In particolare le forme di booking online raddoppieranno gli introiti. Segno evidente di un’impennata del settore favorito dall’innovazione tecnologica. Insomma, la base esiste. A questo punto
    serve sviluppare al meglio l’offerta, incominciando da forme di dynamic
    packaging più strutturate al servizio del potenziale cliente.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: